Pizzottella, la pizza in teglia romana a Milano

E’ giunto in città una nuova pizza, la pizza in teglia romana. E’ arrivata con il nuovo locale Pizzottella.

A portarla l’oste imprenditore Davide Ranucci , proprietario di altri ristoranti conosciuti in città come, Giulio Pane e Ojo, Osteria Casa Tua, Abbottega e un giovane, ma talentuoso Jacopo Mercuro. Jacopo si occupa delle pizze, vista già la sua esperienza a Mani in pasta e 180 gradi, a Davide, spetta la gestione dell’atività.

Ad aiutare Jacopo ,un ragazzo, Vittorio Giuliani, giovane anche lui , che ha deciso di mollare la sua “vecchia” vita e diventare un ” resident pizzaiolo” .

La pizza non è più tonda e servita in un piatto, ma è a tranci, servita in vasoietti di alluminio.

Entriamo nel locale. Stile rustico, mattoncini rossi a comporre il muro. Al centro il banco con tutte le 14 tipologie di pizza che cambieranno seguendo la stagionalità degli ingredienti, e l’estro del pizzaiolo, da scegliere e gustare.

Non mancheranno “le romane”, Pizzottelle ispirate alle ricette classiche della cucina romana, come la carbonara con guanciale, crema d’uovo, pepe e pecorino, la cacio e pepe, la gricia, la celebre amatriciana con salsa di pomodoro, guanciale, pecorino e pepe o la golosa doppia mortazza, una Pizzottella doppio strato farcita di saporita mortadella. A queste si affiancheranno “le stagionali”, una ventina di ricette che cambieranno seguendo appunto l’alternarsi delle stagioni.

Ma la vera particolarità che rende la pizza di Pizzottella speciale è  l’impasto, frutto della maestria e dell’approccio contemporaneo di Jacopo Mercuro che da anni porta avanti la ricerca sulla pizza e per Pizzottella propone un impasto con prefermento ad alta idratazione usando solo grani italiani certificati. Per la biga Jacopo usa una farina di grano tenero 0 con una forza (indicata dal valore W) non troppo elevata, rinfrescandola il giorno dopo con un 20% di farina di farro. Una tecnica che, unita alla lenta cottura in forno elettrico Moretti, conferisce alla Pizzottella l’effetto “scrocchiarello” che la contraddistingue. Un prodotto croccante, contemporaneamente caratterizzato da una scioglievolezza in bocca estremamente piacevole; una pizza  che per i milanesi sarà una vera novità e si farà ricordare dopo il primo morso per sua golosità e anche per l’alta digeribilità.

Cosa resta da dirvi?

Basta leggere! Scarpe, cappotto e via, direzione Pizzottella, Via dei Muratori 8, Milano.

Guarda anche il video realizzato con Jacopo  e Vittorio mentre cercano di insegnarmi la stesura della pizza in teglia.

Link —>> https://www.facebook.com/NicaCardinale.prendilixlagola/videos/10213011681307705/

 

Seguimi e lascia un Like: